5 vantaggi di un approccio data driven all'e-mail marketing

Sfrutta i dati per rendere le tue newsletter più efficaci e incrementare il tuo business.
Scopri cosa è l'approccio data driven all'email marketing, quando usarlo e che vantaggi ti offre.

Ognuno di noi ha inviato almeno una volta nella sua carriera una mail a tutti i contatti per promuovere un'offerta o comunicare un nuovo prodotto, ma sono ancora poche le aziende che inviano newsletter in modo costante e attraverso un approccio data driven.
Scopriamo insieme di cosa si tratta e come sfruttare al meglio questo metodo di lavoro nel quotidiano. 

Cosa è l'approccio data driven?

"Data driven" è un termine inglese che significa "guidato dai dati". L' approccio data driven in azienda è dunque un metodo, uno stato mentale che permette di acquisire dati, analizzarli e prendere decisioni in base a risultati tangibili e non seguendo il sesto senso degli imprenditori.
Il data driven può essere applicato in tutti i campi, dalla gestione della produzione al coordinamento della rete di vendita, ma il reparto in cui offre maggiori possibilità di sviluppo è il marketing.

Attraverso l'analisi dei dati di clienti fidelizzati, di clienti passati e di potenziali clienti è possibile individuare con più precisione gli interessi degli utenti e costruire campagne marketing che rispondono in modo mirato alle loro esigenze, aumentando in modo esponenziale le possibilità di successo e le vendite che scaturiscono da queste attività di promozione. 

Data driven applicato all’e-mail marketing

L'analisi dei dati è importante in ogni attività di marketing, ma diventa fondamentale quando si sceglie di inviare newsletter, perché attraverso l'analisi dei dati è possibile creare messaggi specifici per ogni contatto, costruire un legame più intimo tra azienda e utente, aumentare la fiducia nei confronti del brand e incrementare le possibilità che i lettori si trasformino in clienti fidelizzati. 

Quando usare l’approccio data driven nell’e-mail marketing 

Per essere efficace, l'approccio data driven deve essere applicato in ogni fase di lavoro di una campagna di e-mail marketing, nello specifico:
Quando crei il database
Affinché le tue mail vengano lette e portino risultati in termini di click e di vendite, devi mandare ai tuoi contatti contenuti interessanti per il loro caso specifico.

Grazie al metodo data driven riesci ad avere una panoramica completa dei contatti in tuo possesso e li organizzi in segmenti che ti aiutano a creare liste differenti secondo parametri come la data di nascita, se prevedi offerte in occasione dei compleanni, la regione di provenienza, se hai listini divisi per zone geografiche, il tipo di contatto – cliente attivo, cliente passato, potenziale cliente – se vuoi recuperare vecchie collaborazioni, gli interessi, se vuoi inviare news che siano lette e non cestinate ancor prima di essere aperte.  

Con un approccio data driven puoi segmentare i dati in tuo possesso e trasformarli in informazioni utili per mandare il messaggio giusto al contatto giusto nel momento giusto.
Quando crei i contenuti
Attraverso le statistiche di visita dalle pagine del tuo blog e dei tuoi canali social, puoi sapere quali tematiche e quali tipologie di contenuti hanno generato maggiori conversioni in termini di click, condivisioni e vendite, e produci nuovi contenuti più mirati, che hanno maggiori probabilità di catturare l'interesse degli utenti e fidelizzarli. 
Con il data driven non sprechi tempo e risorse in contenuti che passano inosservati, ma produci solo news e post che interessano davvero i tuoi lettori.
Quando invii newsletter
Se hai una panoramica completa dei contatti in tuo possesso e hai capito quali contenuti interessano a specifici segmenti del tuo pubblico, con l'approccio data driven inviare newsletter di successo è un gioco da ragazzi e puoi facilmente comunicare il contenuto giusto al cliente giusto, aumentando le possibilità che le tue comunicazioni vengano aperte, lette, cliccate e diano origine a vendite e attività di fidelizzazione. 
Quando raccogli i risultati
Un approccio data driven è fondamentale quando raccogli i risultati delle tue campagne di e-mail marketing perché ti permette di capire quali newsletter hanno portato gli utenti ad effettuare l'azione che volevi e quali sono state un buco nell'acqua.
Inoltre, grazie all'analisi dei risultati ottenuti puoi rimodulare l'intero piano di e-mail marketing, segmentando ulteriormente i dati, creando contenuti ancora più specifici e inviandoli solo agli utenti che potrebbero essere interessati ad essi.

Il Data driven è facile con il software giusto

L’attività di raccolta, gestione e analisi dei dati in ogni fase del processo di e-mail marketing può sembrare un’impresa titanica, soprattutto se hai liste infinite di contatti e invii newsletter con una certa frequenza.

Quando si sceglie un approccio data driven in azienda, però, il lavoro operativo non deve essere fatto con carta e penna. Grazie a nuovi software specifici puoi raccogliere contatti, gestirli e analizzare i report con un click. On line si trovano moltissime piattaforme che ti aiutano nelle attività di e-mail marketing, ma non tutte sono efficaci come sembrano.

DEM Server è una piattaforma che gestisce l’invio delle mail da server di tua proprietà senza acquisire i tuoi contatti e senza il rischio che i tuoi messaggi finiscano in spam.

I vantaggi del data driven nell'e-mail marketing

Il data driven rende ogni attività aziendale più efficiente e più fruttuosa perché sposta l'ago della bilancia dall'intuizione del singolo a dati tangibili e misurabili. Dal punto di vista delle newsletter, le aziende che operano per attività di e-mail marketing data driven hanno riscontrato da subito vantaggi sia sul fronte performance che sul fronte dei costi.

Ecco nel dettaglio i benefici di un approccio data driven nell’e-mail marketing:
Utenti più coinvolti
Se riesci ad implementare in azienda un approccio data driven, potrai conoscere gli interessi dei tuoi clienti, realizzare contenuti adeguati e inviare newsletter che vengono aperte con piacere, senza essere considerate spam o essere ignorate prima ancora di essere lette. 
Controllo del budget
Con i dati puoi identificare obiettivi raggiungibili nel breve-medio-lungo periodo e definire attività mirate che hanno più probabilità di avere successo: in questo modo hai più controllo sui tuoi budget ed eviti di lasciarti guidare da valutazioni personali che rischiano di farti buttare soldi in campagne senza risultati. 
Aumento del tasso di conversione
Le newsletter inviate con un approccio data driven hanno tassi di conversione maggiori perché sono costruite sulle reali necessità degli utenti. Il numero di lettori che effettua un'azione, come leggere un articolo, compilare un form di contatto o acquistare un prodotto, è quindi nettamente maggiore rispetto a mail inviate alla cieca a tutti i contatti della tua rubrica.
Risultati replicabili
Proprio perché i dati sono tangibili e non dipendono dal sentimento dell'imprenditore, dai consigli di un guru o dalle sensazioni del reparto marketing, i risultati che ottieni dall'invio di newsletter con il metodo data driven sono replicabili e, come accade in un esperimento scientifico, mantengono le stesse probabilità di successo nel tempo. 
Incremento costante dei risultati
Con il data driven puoi identificare quali azioni funzionano e quali no, replicare le attività positive e ottimizzare le newsletter con minor successo, aumentando di conseguenza i risultati in modo costante e raggiungendo più facilmente gli obiettivi che ti sei posto. 
Vuoi che il tuo ufficio marketing abbia un approccio data driven quando invia newsletter?
Ti è piaciuto il nostro articolo?
Condividilo sui tuoi Social